Cicoria

La cicoria non è sicuramente tra le insalate più popolari per i bambini e anche alcuni adulti possono fare a meno di questa foglia verde della famiglia delle margherite. Tuttavia bisogna pensarci due volte prima di addentare della cicoria amara. Sono proprio le sostanze amare che rendono la verdura così preziosa dal punto di vista nutrizionale.

Stimolano il metabolismo e la produzione di succhi gastrici, per cui le verdure sono facilmente digeribili.  Allo stesso tempo, le verdure a foglia forniscono al corpo preziosi nutrienti come il beta-carotene, le vitamine B1, B2 e C, l'acido folico e il potassio.

zuccheri in g/100g*
fruttosiosaccarosioglucosiofruttosio totale**
0,710,451,280,94

Buono a sapersi

Come le carote, le radici della cicoria sono disposte in serre e coperte di sabbia in autunno. Dalle ascelle delle foglie precedentemente accorciate e dal bocciolo terminale poi derivano durante l'inverno da 15 a 20 centimetri di lunghezza e fino a 5 centimetri di spessore boccioli solidi appuntiti. Questi sono pallidi e delicati a causa della copertura. Affettati, i germogli forniscono un'insalata cruda che ha un sapore più o meno amaro a causa dell'intybin. Ma possono anche essere cotti al vapore, bolliti in acqua salata o saltati delicatamente come verdura. In Francia, Olanda e Belgio, da dove proviene la cicoria, sono comunemente stufati.

Per gli individui con una tolleranza media, circa 100 g costituiscono un buon test.

*la quantità di zucchero dipende dalla varietà e dal grado di maturazione
**Il valore di 'fruttosio totale' è composto dal fruttosio puro e da 1/2 del saccarosio.

fonte: BZfE, aid.de